• Italiano
  • English

Tu sei qui

Paysage Humain n° 14

Maeda Josaku (1926 – 2007)

Paysage Humain n° 14, 1960

Olio su tela, 65 x 100 cm
Firmato in basso a sinistra "Josaku Meda. 60."
Firmato sul retro: "Paysage humain" N°14 / 7.1960 / Josaku MAEDA / à Paris / 

Esposizioni:
Torino, Galleria Gissi, Collettiva, 1960
Torino, Galleria Galatea, Personale Josaku Maeda, 1960

Bibliografia:
Luigi Carduccio, Josaku Maeda, Galleria Galatea, (Torino: 1960).

Josaku Maeda nasce nella prefettura di Toyama nel 1926 e si diploma nel 1953 alla Musashino Art University di Tokyo, vincendo poi nel 1957 il primo premio alla Esibizione Internazionale Giovani Artisti. Tale evento segna il suo ingesso in un ambito artistico internazionale: l’anno successivo l’artista si sposta a Parigi per completare gli studi e sviluppare il proprio percorso, incentrato sull’arte informale dai chiari riferimenti all’Espressionismo Astratto. In questo periodo partecipa ad eventi importanti, come la Biennale di Parigi nel 1959 e la triennale di Nuova Delhi nel 1968. Durante gli anni ’70 Maeda viaggia sovente tra India, Tibet e sud-est asiatico, dove studia l'arte dei mandala; l'approfondimento di questo soggetto, sul quale scrive anche numerosi libri, porta il pittore a passare da una pittura puramente astratta a quella sacra, cui si dedicherà per tutta la produzione successiva.

Paysage Humain n° 14 è un'opera percorsa da un denso espandersi di pittura rossa, dove il colore si distribuisce sulla superficie liscia in modo drammatico, sfumando da un tono cupo dei bordi a quelli più rarefatti dell’arancione e del giallo verso il centro. Lo sviluppo delle forme e la stesura del colore, che suggeriscono il richiamo alla corrente artistica del Color Field, si espandono in un movimento concentrico in equilibrio tra simmetria e imperfezione.

Inserita nel filone dell’arte informale, l’opera è un chiaro rifiuto delle forme reali del soggetto, le quali però sono suggerite dal titolo ‘Paesaggio Umano’; tale percorso artistico è visibile confrontando questo Paysage Humain con altre opere dipinte tra il 1959 e il 1962, tutte di impostazione analoga ma con titoli sempre "naturalistici" come Halo du Soleil, Ombre et éclairé Celestes, Papillon de nuit, Jardin des delices.

Cod. ALT-747

 

Richiedi informazioni su questo prodotto

Compila il form sottostante ed invia la tua richiesta.
Sarai ricontattato al più presto.

 

Informativa sulla privacy

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter mensile per essere informato sulle prossime manifestazioni e sull’aggiornamento del catalogo on-line.
   
           
   

Copyright © 2016 - giuseppe piva - Partita IVA:  05104180962